La stagione fredda nella nostra casa dolce casa calda!

L’estate, un ricordo!

Improvvisamente tutto cambia, si trasforma. Ecco il 23 settembre con il suo equinozio d’autunno ad indicarci che la durata del dì e della notte sono uguali: 12 ore di luce e 12 ore di buio e tutto questo su tutta la terra.

In questi giorni il sole sorge quasi perfettamente a est e tramonta quasi perfettamente ad ovest! Le foglie cadono spogliando gli alberi del loro manto e i raggi del sole, sempre meno perpendicolari a noi, non  riscaldano abbastanza.

Il paesaggio muta con le giornate che offrono nuove emozioni visive. L’estroversa estate, traboccante di vitalità, cede il passo alla stagione della riflessione il cui dì  ha sempre meno luce e il buio anticipa inesorabilmente. Arrivano le prime nebbie e le piogge. I mesi si susseguono e, arrivando il periodo che precede il Santo Natale, dalle finestre del nostro caldo soggiorno, speriamo nella prima ricca nevicata ad inaugurare la stagione, magari il 13 dicembre, il giorno di Santa Lucia, la cui leggenda popolare racconta essere il giorno più corto dell’anno.

Ritorna la voglia di casa, voglia di ritrovarsi tutti insieme. I parenti e gli amici sono riammessi nei nostri pensieri, nel nostro quotidiano. I fuochi delle cucine riprendono a pieno ritmo con gli inviti del sabato sera e del pranzo domenicale, il Tè delle cinque con i suoi tornei di burraco e le serate davanti al camino con i nostri cari.

Come isolarci dal freddo

Se nel periodo estivo la nostra casa, sempre troppo calda, è una vera minaccia alla nostra salute, dall’autunno alla primavera diventa fondamentale, irrinunciabile.

Riappare la “lana”, il materiale per eccellenza che sin dall’antichità  ci pretegge dal freddo trasmettendo grande calore. Nel nostro contemporaneo, nonostante scoperte, invenzioni, viaggi nello spazio e il pianeta Marte non più così distante, la lana continua ad essere nostra alleata, amica del nostro corpo, fonte di calore. La lana di pecora merino, di capra d’angora, di capra del Cachemire, d’Alpaca, di cammello o di coniglio d’angora le cui caratteristiche, diverse una dall’altra, determinano straordinarie realizzazioni nell’industria del tessile. La lana che ci isola, la lana che ci riscalda durante le lunghe notti invernali, la lana che ci accoglie.

I camini accesi, le stufe a legna e a pellet riprendono incessantemente a rinforzare il classico riscaldamento a metano. Queste integrate  fonti di calore, ritornano ad essere i territori più ambìti della nostra casa, una sorta di abbonamento della “stagione del freddo”.

Il caldo però, oltre ad ottenerlo riscaldando l’aria, lo acquisiamo isolando i nostri pavimenti. Siamo certi di averlo fatto? Nella zona conversazione, nei punti particolarmente esposti, abbiamo pensato a mettere un tappeto,  soluzione semplice e straordinariamente efficace? Tappeto antico, vecchio o moderno, il tappeto è la soluzione. Il tappeto, elemento d’arredo che riscalda con la sua bellezza la nostra casa, diventa fonte di calore. Il tappeto idoneo che aiuti concretamente a risolvere il problema del nostro soggiorno “piuttosto freddo” e che al contempo lo renda più accogliente, invitante. Il tappeto di pura lana per sentirci coccolati, su cui giocare con i nostri figli. Il tappeto elemento centrale della nostra casa, dolce casa calda.

L’Oriente, antichissimo produttore di splendidi manufatti, che nei secoli ha sapientemente apportato nuove energie reinterpretando stili e colori con assoluta attenzione alla qualità della materia prima, la lana, ma anche la seta, è imperatore indiscusso. Il tappeto giunto da est a  riscaldare l’ovest.

Il tappeto, elemento insostituibile del nostro arredo, cambia look,  modifica le sue sembianze insieme agli stili del design del momento. Ecco il tappeto in tinta unita, con motivi astratti a richiamare i grandi pittori del novecento, il tappeto antico riammesso in chiave vintage, il tappeto con il vello alto e fitto.

Il tappeto, oggetto dei desideri per la sua eleganza, a oggetto fondamentale  del nostro focolare.

Da culture antichissime la tradizione in continua evoluzione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *